CardioPreventariab.it
Prevenzione malattie cardiovascolari
Associazione Silvia Procopio
OncologiaMedica.net

Acidi grassi trans e mortalità nei pazienti sottoposti ad angiografia coronarica


Gli acidi grassi trans ( TFA ) sono generati dall'industria alimentare e si trovano anche in natura in tracce nei prodotti lattiero-caseari. Per questi ultimi, sono stati rivendicati effetti benefici per la salute, mentre ci sono numerose segnalazioni circa TFA di origine industriale pericolosi per la salute umana.
Pertanto, è stata esaminata l'associazione tra acidi grassi trans e mortalità nello studio Ludwigshafen Risk and Cardiovascular Health ( LURIC ).

La composizione degli acidi grassi delle membrane degli eritrociti è stata analizzata utilizzando la metodologia HS-Omega-3 Index in 3.259 partecipanti allo studio LURIC al basale.

Durante una mediana di 10.0 anni di follow-up, un totale di 975 partecipanti ( 29.9% ) sono morti, 614 ( 18.8% ) per cause cardiovascolari, tra cui 254 ( 7.8% ) per morte cardiaca improvvisa.

Gli acidi grassi trans totali sono stati inversamente associati con la mortalità per cause cardiovascolari o con la morte cardiaca improvvisa.
Questa è stata guidata principalmente dagli acidi grassi trans presenti in natura C16:1N-7t ( acido trans-palmitoleico ).
La riduzione del rischio di morte cardiaca improvvisa associata con C16:1N-7t si è mantenuta dopo aggiustamento multivariato con un hazard ratio ( HR ) di 0.63 per il terzo terzile rispetto al primo terzile.
Non c'è stata alcuna associazione di qualsiasi sottogruppo di acidi grassi trans con un aumento del rischio di eventi avversi.

In conclusione, in contrasto con i risultati precedenti, le basse concentrazioni di acidi grassi trans totali trovate in LURIC erano inversamente associate con esiti cardiaci avversi.
Mentre l’acido grasso trans naturale C16:1N-7t era associato a un rischio ridotto, non è stato trovato alcun aumento del rischio per gli acidi grassi trans di produzione industriale. ( Xagena2016 )

Kleber ME et al, Eur Heart J 2016; 37: 1072-1078

Cardio2016



Indietro