American Heart Association
Associazione Silvia Procopio
Aggiornamenti su Malattie del circolo polmonare

Associazione tra acidi grassi del tessuto adiposo e la mortalità cardiovascolare e la mortalità per qualsiasi causa negli uomini anziani


I principali acidi grassi polinsaturi nel tessuto adiposo riflettono oggettivamente l’assunzione con la dieta nel lungo periodo e possono fornire informazioni più affidabili dell'assunzione auto-riportata.
Non è chiaro se gli Acidi grassi del tessuto adiposo siano in grado di prevedere la mortalità cardiovascolare e la mortalità per qualsiasi causa.

E’ stata studiata l’associazione tra acidi grassi nel tessuto adiposo e la mortalità cardiovascolare e quella complessiva in una coorte di uomini anziani.
Si è ipotizzato che gli acidi grassi polinsaturi che riflettono la dieta alimentare siano inversamente associati alla mortalità cardiovascolare e la mortalità per qualsiasi causa.

Nello studio di coorte svedese Uppsala Longitudinal Cohort of Adult Men, la composizione in acidi grassi dei glutei è stata analizzata mediante cromatografia gas-liquido nel 1992-1993 e nel 2008.

I partecipanti allo studio sono stati seguiti per 11.311 anni-persona, tra il 1991 e il 2011 ( follow-up mediano, 14.8 anni ).

In questo studio basato sulla comunità che ha avuto luogo nel periodo 1970-1973, tutti gli uomini nati nel periodo 1920-1924 a Uppsala, in Svezia, sono stati invitati e 2.322 ( 82% ) sono stati inclusi ( all'età di 50 anni ).
Alla nuova analisi all'età di 71 anni, hanno partecipato 1.221 ( 73% ) dei 1.681 uomini invitati.
I campioni bioptici di tessuto adiposo sono stati presi in un sottocampione di 853 uomini.
Non c'è stata nessuna perdita al follow-up.

Le analisi primarie hanno preso in considerazione le proporzioni di tessuto adiposo di 4 acidi grassi polinsaturi che riflettevano principalmente l’apporto alimentare ( acido linoleico, 18:2n-6; acido alfa-linolenico, 18:3n-3; acido eicosapentaenoico [ EPA ], 20:5n-3; acido docosaesaenoico [ DHA ], 22:6n-3 ); tutti gli altri acidi grassi disponibili erano analisi secondarie.

I principali risultati erano gli hazard ratio ( HR ) per mortalità cardiovascolare e per mortalità per qualsiasi causa.

Tra gli 853 uomini svedesi, ci sono stati 605 decessi; di questi 251 erano morti per cause cardiovascolari.
Dopo aggiustamento per i fattori di rischio, nessuno dei 4 acidi grassi primari era associato a mortalità cardiovascolare ( HR=0.92-1.05 per ogni aumento di deviazione standard; P maggiore o uguale a 0.27 ).

L'acido linoleico è risultato inversamente associato a mortalità per qualsiasi causa ( HR=0.90; P=0.02 ) e direttamente associato all'assunzione ( P minore di 0.001 ).

Nelle analisi secondarie, l’acido palmitoleico, 16:1N-7 ( HR=1.11; P=0.02 ) era associato a una maggiore mortalità per qualsiasi causa, mentre l'acido eptadecanoico, 17:0, ha mostrato tendenza a essere associato a una minore mortalità per tutte le cause ( HR=0.89; P=0.05 ).

Il rapporto acido arachidonico / linoleico è risultato associato sia con la mortalità cardiovascolare ( HR=1.15; P=0.04 ) sia con la maortalità per qualsiasi causa ( HR=1.13; P=0.005 ).

In conclusione, l'acido linoleico del tessuto adiposo è risultato inversamente associato alla mortalità per tutte le cause negli uomini anziani, anche se non in modo significativo con la mortalità cardiovascolare. ( Xagena2016 )

Iggman D et al, JAMA Cardiol 2016; 1: 745-753

Cardio2016 Endo2016



Indietro