CardioPreventariab.it
Associazione Silvia Procopio
ACC Meeting

Aumento della attività simpatica cardiaca e stress ossidativo nei fumatori abituali di sigarette elettroniche


Le sigarette elettroniche ( e-sigarette ) hanno guadagnato una popolarità senza precedenti, ma praticamente non si sa nulla circa i loro rischi cardiovascolari.
È stata verificata l'ipotesi che uno squilibrio del tono autonomico cardiaco e un aumento dello stress ossidativo e infiammazione sistemica siano rilevabili negli esseri umani altrimenti sani che utilizzano abitualmente e-sigarette.

È stato effettuato uno studio caso-controllo di utilizzatori di e-sigarette abituali e individui di controllo non-utilizzatori nel periodo 2015-2016 presso l'Università della California, Los Angeles ( UCLA ).
Utilizzatori abituali di e-sigarette altrimenti sani di età compresa tra 21 e 45 anni che soddisfacevano i criteri di studio, tra cui nessun uso corrente di sigarette di tabacco e senza problemi noti di salute o prescrizioni di farmaci, erano eleggibili per l'arruolamento.

Volontari sani che soddisfacevano questi criteri di inclusione e che non erano utilizzatori di e-sigarette erano idonei ad essere arruolati come individui di controllo.
In totale 42 partecipanti che soddisfacevano questi criteri sono stati arruolati nello studio, comprendente 23 utilizzatori abituali di e-sigarette e 19 partecipanti di controllo non-fumatori di sigarette di tabacco né di e-sigarette.

I principali endpoint erano rappresentati dai componenti della variabilità della frequenza cardiaca analizzati per la componente ad alta frequenza ( 0.15-0.4 Hz ), un indicatore dell'attività vagale, la componente a bassa frequenza ( 0.04-0.15 Hz ), un insieme di attività vagale e simpatica, e il rapporto tra la bassa frequenza a l’alta frequenza, che riflette l’equilibrio simpatovagale cardiaco.

Sono stati misurati nel plasma 3 parametri di stress ossidativo: ossidabilità delle lipoproteine a bassa densità, capacità antiossidante / anti-infiammatoria delle lipoproteine ad alta densità e attività della paraoxonasi-1.

Dei 42 partecipanti, il 35% era rappresentato da donne, il 35% era rappresentato da persone di razza bianca, e l'età media era di 27.6 anni. 

La componente di alta frequenza è significativamente diminuita negli utilizzatori di e-sigarette rispetto al gruppo di controllo di non-utilizzatori ( media, 46.5 nu vs 57.8 nu; P=0.04 ).

La componente a bassa frequenza ( media, 52.7 nu vs 39.9 nu; P=0.03 ) e il rapporto tra bassa frequenza e alta frequenza ( media, 1.37 vs 0.85; P=0.05 ) sono significativamente aumentati negli utilizzatori di e-sigarette rispetto al gruppo di controllo non-utilizzatore, coerentemente con il predominio simpatico.

L’ossidabilità delle lipoproteine a bassa densità, indicativa della suscettibilità delle lipoproteine contenenti apolipoproteina B all’ossidazione, è significativamente aumentata negli utilizzatori di e-sigarette rispetto ai soggetti di controllo non-utilizzatori ( media, 3801.0 U vs 2413.3 U; P=0.01 ) coerentemente con l’aumento dello stress ossidativo, ma le differenze nella capacità ad alta densità antiossidante / anti-infiammatoria e nell'attività della paraoxonasi-1 non sono risultate significative.

In conclusione, in questo studio, l'uso di e-sigarette abituale è stato associato a uno spostamento nell’equilibrio autonomico cardiaco verso un predominio simpatico e un aumento dello stress ossidativo, entrambi associati al rischio cardiovascolare. ( Xagena2017 )

Moheimani RS et al, JAMA Cardiol 2017; 2: 278-284

Cardio2017



Indietro