CardioPreventariab.it
Prevenzione malattie cardiovascolari
Associazione Silvia Procopio
OncologiaMedica.net

Vantaggi del bypass coronarico in base all’età nei pazienti con scompenso cardiaco e disfunzione sistolica ventricolare sinistra


Il bypass aortocoronarico aggiunto alla terapia medica apporta un vantaggio più consistente sulla mortalità per tutte le cause e sulla combinazione di mortalità per tutte le cause e sull’ospedalizzazione cardiovascolare nei pazienti più giovani rispetto ai pazienti più anziani.
Inoltre il bypass aortocoronarico aggiunto alla terapia medica ha un effetto benefico consistente sulla mortalità cardiovascolare indipendentemente dall'età.

L’età avanzata è associata a una maggiore prevalenza di malattia coronarica nella insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta e con un più alto rischio di complicanze dopo bypass aortocoronarico ( CABG ).

Non era stato chiarito se l'efficacia di CABG rispetto alla terapia medica nei pazienti con insufficienza cardiaca causata da cardiomiopatia ischemica fosse la stessa nei pazienti di età diversa.

In totale 1.212 pazienti ( follow-up mediano, 9.8 anni ) con frazione di eiezione inferiore o uguale al 35% e malattia coronarica trattabile con CABG sono stati randomizzati a CABG o a terapia medica nello studio STICH ( Surgical Treatment for Ischemic Heart Failure ).

L'età media all’ingresso nello studio era di 60 anni; il 12% era rappresentato da donne; il 36% dei pazienti non era bianco; la frazione di eiezione basale era del 28%.

Per l’analisi, i pazienti sono stati classificati in base a quartili di età: quartile 1, 54 anni o meno; quartile, 2, più di 54 e fino a 60 anni; quartile 3, più di 60 e fino a 67 anni; quartile 4, più di 67 anni.

I pazienti più anziani rispetto a quelli più giovani avevano più comorbidità.

La mortalità è stata maggiore nei pazienti anziani rispetto ai pazienti più giovani assegnati a terapia medica ( 79% vs 60% per i quartili 4 e 1, rispettivamente; log-rank P=0.005 ) e a CABG ( 68% vs 48% per i quartili 4 e 1, rispettivamente; log-rank P minore di 0.001 ).

Per contro, la mortalità cardiovascolare non era statisticamente significativamente diversa per tutte le età nel gruppo terapia medica ( 53% vs 49% per i quartili 4 e 1, rispettivamente; log rank P=0.388 ) oppure nel gruppo CABG ( 39% vs 35% per i quartili 4 e 1, rispettivamente; log-rank P=0.103 ).

I decessi cardiovascolari hanno rappresentato una maggiore proporzione di morti nei quartili più giovani rispetto a quelli più anziani ( 79% vs 62% ).

L'effetto di CABG rispetto alla terapia medica sulla mortalità per tutte le cause ha dimostrato di diminuire con l'aumentare dell'età ( P interazione=0.062 ), mentre il beneficio di CABG sulla mortalità cardiovascolare è stato costante a tutte le età ( P interazione=0.307 ).

C'è stata una maggiore riduzione della mortalità per tutte le cause o di ospedalizzazione cardiovascolare con CABG rispetto a terapia medica nei pazienti più giovani rispetto ai pazienti più anziani ( P interazione=0.004 ).

Nel gruppo CABG, il tempo di bypass cardiopolmonare o i giorni in terapia intensiva non sono cambiati tra i pazienti anziani rispetto ai pazienti più giovani.

In conclusione, CABG aggiunto a terapia medica dà un vantaggio sulla mortalità per tutte le cause e sulla combinazione di mortalità per tutte le cause e ospedalizzazione cardiovascolare più consistente nei pazienti più giovani rispetto ai pazienti più anziani.
CABG aggiunto a terapia medica ha un effetto benefico consistente sulla mortalità cardiovascolare indipendentemente dall'età. ( Xagena2016 )

Petrie MC et al, Circulation 2016; 134: 1314-1324

Cardio2016



Indietro