American Heart Association
Aggiornamenti su Malattie del circolo polmonare
Associazione Silvia Procopio

Variazioni nella troponina T cardiaca ad alta sensibilità e rischio di successiva malattia coronarica, insufficienza cardiaca e morte


La troponina T cardiaca ad alta sensibilità ( hs-cTnT ) è un biomarcatore di rischio cardiovascolare e potrebbe essere presto approvata negli Stati Uniti per l'uso clinico.
Tuttavia, i dati che collegano il cambiamento temporale a lungo termine in hs-cTnT e i risultati sono limitati, soprattutto in contesti di prevenzione primaria.

È stata esaminata l'associazione tra il cambiamento a 6 anni in hs-cTnT e malattia coronarica incidente, insufficienza cardiaca e mortalità per tutte le cause in uno studio prospettico di coorte osservazionale, eseguito dal 1990 al 2011, che ha incluso 8.838 partecipanti allo studio ARIC ( Atherosclerosis Risk in Communities Study ) che erano inizialmente privi di malattia coronarica e insufficienza cardiaca, e che hanno misurato hs-cTnT due volte a 6 anni di distanza.

Sono stati raccolti dati sui fattori di rischio e su hs-cTnT in base al tempo.

È stata esaminata l'associazione tra cambiamento di hs-cTnT e conseguente malattia coronarica, insufficienza cardiaca e morte durante un massimo di 16 anni.

Negli 8.838 partecipanti ( età media, 56 anni; 5.215 donne, 59.0%; 1.891 neri, 21.4% ) ci sono stati 1.157 eventi coronarici, 965 eventi di insufficienza cardiaca e 1.813 decessi complessivi.

I livelli di hs-cTnT incidenti rilevabili ( basale, inferiore a 0.005 ng/ml; follow-up, maggiore o uguale a 0.005 ng/ml ) sono risultati indipendentemente associati a conseguente malattia coronarica ( hazard ratio, HR=1.4 ), insufficienza cardiaca ( HR=2.0 ) e decesso ( HR=1.5 ), rispetto a un livello di hs-cTnT inferiore a 0.005 ng/ml in entrambe le visite.

Inoltre, sono stati registrati hazard ratio di 4 per la malattia coronarica e la mortalità e di 8 per insufficienza cardiaca tra gli individui con i più marcati aumenti di hs-cTnT ( basale, inferiore a 0.005 ng/m; follow-up, maggiore o uguale a 0.014 ng/ml ).

Il rischio di esiti successivi è stato più basso tra i soggetti con relative riduzioni di hs-cTnT superiori al 50% rispetto al basale.

In più, le informazioni sui cambiamenti di hs-cTnT hanno migliorato la discriminazione per insufficienza cardiaca e mortalità quando sono state aggiunte a un modello che includeva fattori di rischio tradizionali, NT-proBNP ( frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico cerebrale ), e livello basale di hs-cTnT.

Tra gli individui con ricoveri per insufficienza cardiaca, il cambiamento di hs-cTnT è sembrato essere associato in modo simile a insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta e conservata.

In conclusione, incrementi temporali di hs-cTnT, indicativi di danno miocardico progressivo, sono risultati indipendentemente associati a malattia coronarica incidente, morte, e, soprattutto, scompenso cardiaco.
La determinazione della traiettoria di hs-cTnT aggiunge informazioni clinicamente rilevanti ai test di base e può essere utile nelle valutazioni prognostiche e per stabilire le strategie di prevenzione per individui ad alto rischio, soprattutto tra le persone con insufficienza cardiaca in fase A o B. ( Xagena2016 )

McEvoy JW et al, JAMA Cardiol 2016; 1: 519-528

Cardio2016



Indietro