Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Aggiornamenti in aritmologia
Xagena Mappa

La denervazione simpatica miocardica regionale predice il rischio di arresto cardiaco improvviso nella cardiomiopatia ischemica


Lo studio PAREPET ( Prediction of ARrhythmic Events with Positron Emission Tomography ) ha cercato di verificare l'ipotesi secondo la quale quantificare la mancanza di omogeneità nella innervazione simpatica del miocardio potrebbe identificare i pazienti a più alto rischio di arresto cardiaco improvviso.

La frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) è l'unico parametro per identificare i pazienti a rischio di arresto cardiaco improvviso che possono trarre beneficio da un defibrillatore cardiaco impiantabile ( ICD ).

Sono stati arruolati, in modo prospettico, 204 soggetti con cardiomiopatia ischemica ( FEVS minore o uguale al 35% ) ammessi all’impianto di defibrillatore cardiaco per la prevenzione primaria.

È stata utilizzata la tomografia ad emissione di positroni ( PET ) per quantificare la denervazione simpatica dell’infarto ( 11C-meta-idrossiefedrina, 11C-HED ), la perfusione ( 13N-ammoniaca ) e la vitalità ( 18F-2-desossiglucosio insulino-stimolato ).

L'endpoint primario era l’arresto cardiaco improvviso definito come morte aritmica o scarica del defibrillatore cardiaco impiantabile per fibrillazione ventricolare o tachicardia ventricolare maggiore di 240 battiti/minuto.

Dopo 4.1 anni di follow-up, l’arresto cardiaco improvviso per causa specifica è stato del 16.2%.

Il volume dell’infarto ( 22% vs 19% del ventricolo sinistro ) e la frazione di eiezione ventricolare sinistra ( 24% vs 28% ) non sono stati predittori di arresto cardiaco improvviso.

Per contro, i pazienti che hanno sviluppato arresto cardiaco improvviso hanno presentato una denervazione simpatica di maggiore entità ( 33% vs 26% del ventricolo sinistro, P=0.001 ) che riflette un miocardio denervato, ma vitale.

I terzili inferiori di denervazione simpatica avevano tassi di arresto cardiaco improvviso pari a 1.2% per anno e 2.2% per anno, mentre il terzile più alto presentava un tasso di 6.7% per anno.

I predittori multivariati di arresto cardiaco improvviso sono stati denervazione simpatica alla PET ( scansione tomografica della emissione di positroni ), indice del volume telediastolico ventricolare sinistro, creatinina, e nessuna inibizione della angiotensina.

Con cut-point ottimizzati, l'assenza di tutti i 4 fattori di rischio ha identificato un basso rischio ( 44% della coorte; arresto cardiaco improvviso inferiore a 1% per anno ); mentre la presenza di 2 o più fattori ha identificato un alto rischio ( 20% della coorte; arresto cardiaco improvviso di circa 12% per anno ).

In conclusione, nella cardiomiopatia ischemica, la denervazione simpatica valutata utilizzando 11C-HED PET predice la mortalità causa-specifica da arresto cardiaco improvviso indipendentemente dalla frazione di eiezione ventricolare sinistra e dal volume dell'infarto.
Ciò può fornire un migliore approccio per identificare i pazienti con maggiori probabilità di beneficiare di un impianto di un defibrillatore cardiaco. ( Xagena2014 )

Fallavollita JA et al, J Am Coll Cardiol 2014; 63: 141-149

Cardio2014



Indietro