Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Aspirina per la prevenzione di eventi cardiovascolari in una popolazione sottoposta a controllo per un basso indice caviglia-brachiale


Un basso indice caviglia-brachiale indica aterosclerosi e un aumento del rischio di eventi cardiovascolari e cerebrovascolari.

Lo screening per un basso indice caviglia-brachiale può identificare un gruppo di persone asintomatiche ad alto rischio potenzialmente favorevoli a trattamenti preventivi.

Per determinare l’efficacia di Aspirina ( Acido Acetilsalicilico, ASA ) nella prevenzione degli eventi in persone con basso indice caviglia-brachiale identificate da uno screening della popolazione generale, i ricercatori della Università di Edimburgo, in Scozia, hanno portato a termine uno studio intention-to-treat, in doppio cieco, randomizzato e controllato nel periodo 1998-2008, denominato Aspirin for Asymptomatic Atherosclerosis.

Sono stati coinvolti 28.980 uomini e donne scozzesi di età compresa tra 50 e 75 anni, liberi da malattia cardiovascolare clinica ed è stato effettuato un test di screening per l’indice caviglia-brachiale.

Di questi pazienti, 3.350 con un basso indice caviglia-brachiale ( inferiore o uguale a 0.95 ) sono stati inclusi nello studio, disegnato per valutare una riduzione del 25% del rischio proporzionale negli eventi.

I pazienti sono stati sottoposti a trattamento giornaliero con 100 mg di Aspirina o placebo.

L’end point primario era un esito composito di evento coronarico iniziale fatale o non fatale, o ictus o rivascolarizzazione.
Gli endpoint secondari erano: tutti gli eventi iniziali vascolari definiti come un composito di eventi dell’endpoint primario o angina, claudicazione intermittente o attacco ischemico transitorio e mortalità per tutte le cause.

Dopo un follow-up medio di 8.2 anni, 357 partecipanti hanno mostrato un evento di endpoint primario ( 13.5 per 1000 persone-anno ).

Non è stata osservata una differenza statisticamente significativa tra i gruppi ( 13.7 eventi per 1.000 persone-anno nel gruppo Aspirina versus 13.3 nel gruppo placebo; hazard ratio, HR=1.03 ).

Un evento vascolare che comprendeva l’endpoint secondario si è manifestato in 578 partecipanti ( 22.8 per 1.000 persone-anno ) e non sono state osservate differenze statisticamente significative tra i gruppi ( 22.8 eventi per 1000 persone-anno nel gruppo Aspirina vs 22.9 nel gruppo placebo; HR=1.00 ).

Non sono state osservate differenze significative nella mortalità per tutte le cause tra i gruppi ( 176 vs 186 decessi, rispettivamente; HR=0.95 ).

Un evento iniziale di emorragia maggiore che ha richiesto ricovero in ospedale si è manifestato in 34 partecipanti ( 2.5 per 1000 persone-anno ) nel gruppo Aspirina e 20 ( 1.5 per 1000 persone-anno ) nel gruppo placebo ( HR=1.71 ).

In conclusione, tra i partecipanti senza malattia cardiovascolare clinica, identificati in base a un basso indice caviglia-brachiale in uno screening della popolazione generale, la somministrazione di Aspirina rispetto a quella di placebo non ha portato a una riduzione significativa degli eventi vascolari. ( Xagena2010 )

Fowkes FG et al, JAMA 2010; 303: 841-848


Cardio2010 Farma2010


Indietro