Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
XagenaNewsletter

Associazione del sesso con gli esiti nei pazienti sottoposti a intervento coronarico percutaneo


Le donne hanno peggiori esiti ischemici e di sanguinamento dopo intervento coronarico percutaneo ( PCI ).
È stata valutata l'associazione del sesso con gli esiti dei pazienti a 2 anni dopo procedura PCI contemporanea e con l'efficacia e la sicurezza di due strategie antipiastriniche.

È stata condotta un'analisi di sottogruppo prespecificata dello studio prospettico randomizzato GLOBAL LEADER, che ha valutato due strategie di terapia antipiastrinica dopo procedura PCI in una popolazione non-selezionata, coinvolgendo 130 ospedali di cure secondarie / terziarie in diversi Paesi.

Lo studio principale ha arruolato 15.991 pazienti non-selezionati sottoposti a PCI tra il 2013 e il 2015.
I pazienti hanno avuto una visita ambulatoriale a 30 giorni e 3, 6, 12, 18 e 24 mesi dopo la procedura indice.

I pazienti eleggibili sono stati randomizzati alla strategia antipiastrinica sperimentale o di riferimento.
La strategia sperimentale consisteva in 1 mese di doppia terapia antipiastrinica ( DAPT ) seguita da 23 mesi di monoterapia con Ticagrelor ( Brilique ), mentre la strategia di riferimento comprendeva 12 mesi di terapia DAPT seguiti da 12 mesi di monoterapia con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ).

L'endpoint primario di efficacia era il composito di mortalità per tutte le cause e nuovo infarto miocardico con onda Q a 2 anni.
L'endpoint secondario di sicurezza era il sanguinamento BARC ( Bleeding Academic Research Consortium ) di tipo 3 o 5.

Dei 15.968 pazienti inclusi in questo studio, 3.714 ( 23.3% ) erano donne.

Il rischio dell'endpoint primario a 2 anni era simile tra donne e uomini ( hazard ratio aggiustato, aHR, 1.00 ).
Rispetto agli uomini, le donne avevano un rischio maggiore di sanguinamento BARC di tipo 3 o 5 ( aHR, 1.32 ) e ictus emorragico a 2 anni ( aHR, 4.76 ).

A 2 anni, non è stata riscontrata alcuna differenza tra i sessi nell'efficacia e nella sicurezza delle due strategie antipiastriniche.

A 1 anno, rispetto alla doppia terapia antipiastrinica, la monoterapia con Ticagrelor è risultata associata a un minore rischio di sanguinamento negli uomini ( HR, 0.72 ) ma non nelle donne ( HR, 1.23; P per interazione=0.045 ).

Rispetto agli uomini, le donne hanno manifestato un rischio maggiore di sanguinamento e ictus emorragico dopo intervento coronarico percutaneo.
L'effetto di due strategie antipiastriniche sulla morte e sull'infarto del miocardio con onda Q in seguito a procedura PCI non differiva tra i sessi a 2 anni. ( Xagena2020 )

Chichareon P et al, JAMA Cardiol 2020; 5: 21-29

Cardio2020 Farma2020


Indietro