Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Associazione tra peptidi natriuretici e prognosi cardiovascolare nella insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata: analisi secondaria dello studio TOPCAT


Gli studi clinici contemporanei di insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata ( HFpEF ) applicano soglie di peptide natriuretico ( NP ) per identificare i pazienti che hanno maggiori probabilità di avere la malattia di interesse, e per arricchire il rischio di base della coorte.

Si è determinato se età, etnia, obesità, funzionalità renale e fibrillazione atriale siano in grado di influenzare i livelli di peptide natriuretico nella insufficienza cardiaca HFpEF e se il significato prognostico del peptide natriuretico vari in questi sottogruppi clinicamente importanti.

Questa analisi secondaria dello studio TOPCAT ( Treatment of Preserved Cardiac Function Heart Failure With an Aldosterone Antagonist Trial ) ha valutato la distribuzione e il significato prognostico dei peptidi natriuretici in 6 sottogruppi comprendenti 1.057 pazienti adulti ( 60% ) nella regione delle Americhe di TOPCAT con insufficienza cardiaca sintomatica e frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) del 45% o più con misurazione disponibile dei peptidi natriuretici al basale.

I peptidi natriuretici sono stati log-trasformati e standardizzati e valutati in 6 sottogruppi: età ( cutoff, 70 anni ), pelle nera, indice di massa corporea ( BMI, calcolato come peso in chilogrammi diviso per l'altezza in metri quadrati, cutoff, 30 kg/m2 ), circonferenza della vita ( cutoff, 102 cm per gli uomini, 88 cm per le donne ), velocità di filtrazione glomerulare stimata ( cutoff, 60 ml/min/1.73 m2 ) e storia di fibrillazione atriale.

I principali esiti erano tempo alla morte cardiovascolare composita, ospedalizzazione per scompenso cardiaco o arresto cardiaco abortito a un follow-up medio di 2.4 anni.

Su 1.057 partecipanti, l’età media era di 72 anni, 183 ( 17.3% ) erano neri, l'indice BMI medio era 33.4 kg/m2, il tasso di filtrazione glomerulare stimata medio era 64.6 ml/min/1.73 m2, e 472 ( 45% ) avevano una storia di fibrillazione atriale.
Le concentrazioni mediane di peptidi natriuretici di tipo B ( n=698 ) e del frammento N-terminale del propeptide di tipo B ( 359 ) erano 257 ng/l e 959 ng/l, rispettivamente.

Le concentrazioni di peptidi natriuretici variavano fino a 0.5 DS nei 6 sottogruppi, più alte nei pazienti più anziani non-neri, con indice BMI inferiore, circonferenza della vita inferiore, una velocità di filtrazione glomerulare stimata inferiore e una storia di fibrillazione atriale.

Livelli elevati di peptidi natriuretici ( per aumento di 1-SD ) erano indipendentemente associati a un aumentato rischio di esito primario ( hazard ratio aggiustato, aHR=1.36, P minore di 0.001 ) in modo costante in tutti i sottogruppi studiati ( P per interazione maggiore di 0.05 ).

In TOPCAT Americas ( n=1.767 ), 791 soggetti ( 45% ) sono stati arruolati sulla base di elevati livelli di peptidi natriuretici come criterio di qualificazione ( al contrario di una storia di ospedalizzazione per scompenso cardiaco ).
Questa percentuale è stata del 31% ( 93 su 302 ), 34% ( 258 su 760 ) e 39% ( 443 su 1.144 ) per pelle nera, età minore di 70 anni, e indice BMI di 30 kg/m2 o superiore, rispettivamente.

In conclusione, i peptidi natriuretici rimangono importanti biomarker di prognosi nella insufficienza cardiaca con frazione di eiezione conservata, anche in sottogruppi che tendono ad avere livelli più bassi di peptidi natriuretici.
Una singola soglia assoluta di peptide natriuretico per l'inclusione negli studi contemporanei riguardanti lo scompenso cardiaco HFpEF può portare a una sotto-rappresentazione di alcuni sottogruppi demografici e clinici. ( Xagena2018 )

Myhre PD et al, JAMA Cardiol 2018; 3: 1000-1005

Cardio2018



Indietro