Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Efficacia di Dapagliflozin sulla funzione renale ed esiti nei pazienti con insufficienza cardiaca con frazione di eiezione ridotta: studio DAPA-HF


Molti pazienti con insufficienza cardiaca e frazione di eiezione ridotta ( HFrEF ) hanno una malattia renale cronica che complica la gestione farmacologica ed è associata a esiti sfavorevoli.

Sono state valutate la sicurezza e l'efficacia di Dapagliflozin ( Forxiga ) nei pazienti con insufficienza HFrEF, in base alla funzionalità renale al basale, nello studio DAPA-HF ( Dapagliflozin and Prevention of Adverse-outcomes in Heart Failure ).
È stato anche esaminato l'effetto di Dapagliflozin sulla funzione renale dopo la randomizzazione.

I pazienti che presentano HFrEF con o senza diabete di tipo 2 e una velocità di filtrazione glomerulare stimata ( eGFR ) maggiore o uguale a 30 ml x min-1 x 1.73 m-2 sono stati arruolati in DAPA-HF.

È stata calcolata l'incidenza dell'esito primario ( morte cardiovascolare o peggioramento dell'insufficienza cardiaca ) in base alla categoria eGFR al basale ( inferiore a 60 e maggiore o uguale a 60 ml x min-1 x 1.73 m-2 ) ed è stata utilizzata la velocità eGFR al basale come misura continua.

Sono stati esaminati anche gli esiti cardiovascolari secondari e un esito renale composito prespecificato ( riduzione sostenuta del 50% o superiore di eGFR, malattia renale allo stadio terminale o morte renale ), insieme a una diminuzione di eGFR nel tempo.

Su 4.742 pazienti con eGFR al basale, 1.926 ( 41% ) avevano eGFR inferiore a 60 ml x min-1 x 1.73 m-2.

L'effetto di Dapagliflozin sugli esiti primari e secondari non è variato in base alla categoria di eGFR o esaminando eGFR come misurazione continua.

L'hazard ratio ( HR ) per l'endpoint primario nei pazienti con malattia renale cronica è stato 0.71 vs 0.77 in quelli con eGFR maggiore o uguale a 60 ml x min-1 x 1.73 m-2 ( P per interazione=0.54 ).

L'esito renale composito non è stato ridotto da Dapagliflozin ( HR=0.71; P=0.17 ) ma il tasso di diminuzione di eGFR tra il giorno 14 e 720 è stato inferiore con Dapagliflozin, -1.09, rispetto al placebo, -2.85 ml x min-1 x 1.73 m-2 all'anno ( P minore di 0.001 ).
Questo dato è stato osservato nei pazienti con e senza diabete di tipo 2 ( P per interazione=0.92 ).

La funzionalità renale al basale non ha modificato i benefici di Dapagliflozin sulla morbilità e mortalità nell'insufficienza HFrEF, e Dapagliflozin ha rallentato il tasso di diminuzione di eGFR, anche nei pazienti senza diabete mellito. ( Xagena2021 )

Jhund PS et al, Circulation 2021; 143: 298-309

Cardio2021 Nefro2021 Endo2021 Farma2021


Indietro