52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

Esiti cardiovascolari in base a albumina urinaria e malattia renale nei pazienti con diabete di tipo 2 ad alto rischio cardiovascolare: studio SAVOR-TIMI 53


Un livello elevato del rapporto albumina urinaria / creatinina ( UACR ) è un marker di disfunzione renale e predittore di insufficienza renale / morte nei pazienti con diabete mellito di tipo 2.
L'uso prognostico di UACR con i biomarcatori cardiaci stabiliti non è stato ben descritto.

Si è valutato se UACR offra un beneficio prognostico incrementale oltre i fattori di rischio e i biomarcatori cardiovascolari plasmatici stabiliti.

Lo studio SAVOR-TIM-53 ( Saxagliptin Assessment of Vascular Outcomes Recorded in Patients With Diabetes Mellitus–Thrombolysis in Myocardial Infarction ) è stato condotto nel periodo 2010-2013 e ha valutato la sicurezza di Saxagliptin ( Onglyza ) rispetto a placebo in pazienti con diabete mellito di tipo 2 con malattia cardiovascolare conclamata o più fattori di rischio.

Il follow-up mediano è stato di 2.1 anni.

I pazienti sono stati randomizzati a Saxagliptin verso placebo più cure standard. UACR basale è stato misurato in 15.760 pazienti ( 95.6% della popolazione ) e classificato in soglie.
Su 15.760 pazienti, 5.205 erano di sesso femminile ( 33.0% ).

La distribuzione delle categorie UARC è stata: 5.805 pazienti ( 36.8% ) inferiori a 10 mg/g, 3.891 pazienti ( 24.7% ) a 10-30 mg/g, 4.426 pazienti ( 28.1% ) a 30-300 mg/g e 1.638 pazienti ( 10.4% ) a più di 300 mg/g.

Se valutati senza biomarcatori cardiaci, si è verificato un aumento graduale di ciascuna categoria superiore di UACR nell'incidenza dell'endpoint primario composito ( morte cardiovascolare, infarto miocardico o ictus ischemico ) ( 3.9%, 6.9%, 9.2% e 14.3% ); morte cardiovascolare ( 1.4%, 2.6%, 4.1% e 6.9% ); e ospedalizzazione per insufficienza cardiaca ( 1.5%, 2.5%, 4.0% e 8.3% ) ( P aggiustata inferiore a 0.001 per tendenza ).

Il miglioramento netto della riclassificazione al tasso di eventi per ciascun endpoint è stato di 0.081, 0.129 e 0.056, rispettivamente.

L'aumento graduale del rischio cardiovascolare associato a UACR superiore a 10 mg/g era presente anche in ciascuna categoria di malattia renale cronica.
UACR è risultato associato agli esiti dopo aver incluso i biomarcatori cardiaci.

Tuttavia, il miglioramento della discriminazione e della riclassificazione è stato attenuato; il miglioramento netto della riclassificazione al tasso di eventi è stato 0.022, -0.008 e 0.043, rispettivamente, per l'endpoint primario, morte cardiovascolare e ospedalizzazione per insufficienza cardiaca.

In conclusione, nei pazienti con diabete di tipo 2, UACR è risultato indipendentemente associato a un aumentato rischio di uno spettro di esiti cardiovascolari avversi.
Tuttavia, il valore prognostico cardiovascolare incrementale di UACR era minimo se valutato insieme ai biomarcatori cardiaci contemporanei. ( Xagena2018 )

Scirica BM et al, JAMA Cardiol 2018; 3: 155-163

Cardio2018 Endo2018 Nefro2018



Indietro