Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Frequenza, predittori e impatto della terapia antipiastrinica combinata sul tromboembolismo venoso nei pazienti con aterosclerosi sintomatica


Studi osservazionali suggeriscono che l'aterosclerosi sintomatica può essere associata al rischio di tromboembolismo venoso ( VTE ).
Precedenti studi randomizzati hanno dimostrato una significativa riduzione di tromboembolismo venoso ricorrente con Aspirina ( Acido Acetilsalicilico ) in monoterapia.
Non è noto se il rischio di tromboembolismo venoso sia associato ad aterosclerosi sintomatica più grave e se una terapia antiaggregante più intensiva riduca il rischio di tromboembolismo venoso più della Aspirina in monoterapia.

TRA2P-TIMI 50 ( Thrombin Receptor Antagonist in Secondary Prevention of Atherothrombotic Ischemic Events-Thrombolysis in Myocardial Infarction ) ( Vorapaxar ) e PEGASUS-TIMI 54 ( Prevention of Cardiovascular Events in Patients With Prior Heart Attack Using Ticagrelor Compared to Placebo on a Background of Aspirin–Thrombolysis in Myocardial Infarction 54 ) ( Ticagrelor ) sono studi in cieco, randomizzati, controllati con placebo, sulla terapia antipiastrinica per la prevenzione di eventi ischemici in pazienti stabili con aterosclerosi sintomatica.

Su 47.611 pazienti con malattia vascolare stabile seguiti per 3 anni in entrambi gli studi, vi sono stati 343 eventi di tromboembolismo venoso in 301 pazienti ( tasso di Kaplan-Meier a 3 anni, 0.9% per il placebo ).

Il rischio di tromboembolismo venoso è stato associato indipendentemente a età, indice di massa corporea ( BMI ), malattia polivascolare, broncopneumopatia cronica ostruttiva ( BPCO ) e neoplasia maligna.

Il carico di aterosclerosi manifestatosi come un numero crescente di territori vascolari sintomatici è stato associato a un aumento graduale dei tassi a 3 anni di tromboembolismo venoso ( 0.76% per 1, 1.53% per 2 e 2.45% per 3 territori ).

Una terapia antipiastrinica più intensiva ( Vorapaxar e Ticagrelor, dati aggregati ) ha ridotto significativamente il rischio di tromboembolismo venoso del 29% rispetto alla terapia antipiastrinica di base, da 0.93% a 0.64% a 3 anni ( hazard ratio, HR=0.71; P=0.003 ).

In conclusione, il tasso di tromboembolismo venoso nei pazienti con aterosclerosi è circa lo 0.3% annuo durante il trattamento con uno o più agenti antipiastrinici, con aumento del rischio indipendentemente associato al numero di territori vascolari sintomatici.
Una terapia antiaggregante più intensiva riduce il rischio di tromboembolismo venoso.
Questi dati suggeriscono una relazione tra il carico di aterosclerosi e il rischio di tromboembolismo venoso, e supportano l'inclusione del tromboembolismo venoso come endpoint prospettico in studi di prevenzione secondaria a lungo termine che valutino i rischi e i benefici delle terapie antipiastriniche nei pazienti con aterosclerosi. ( Xagena2018 )

Cavallari I et al, Circulation 2018; 137: 684-692

Cardio2018 Farma2018


Indietro