Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Impatto di basso volume di ictus sulla mortalità nei pazienti con grave stenosi aortica e frazione di eiezione ventricolare sinistra conservata


Nei pazienti con stenosi aortica grave e frazione di eiezione ventricolare sinistra ( FEVS ) conservata, il basso flusso basso è attualmente definito utilizzando l'eco-Doppler con un indice di volume di ictus ( SVi ) inferiore a 35 ml/m2.
Tuttavia, la relazione tra basso flusso ed esito rimane non ben definita, in quanto i dati sui valori di riferimento normali che definiscono il basso flusso sono scarsi, e gli studi precedenti non hanno esplorato il rischio associato ad altri cut-point di SVi.

È stata analizzata la relazione tra basso flusso e la mortalità nella stenosi aortica grave per stabilire valori di bassi flussi prognostici associati al rischio di mortalità.

Lo studio ha incluso 1.450 pazienti consecutivi con stenosi aortica grave ( area valvolare aortica inferiore a 1 cm2 e/o inferiore a 0.6 cm2/m2 ) e FEVS conservata e 1.645 controlli con ecocardiogrammi normali.

I pazienti sono stati stratificati in tre gruppi: SVi superiore a 35 ml/m2 o volume di ictus superiore a 70 ml; SVi 30-35 ml/m2 o volume di ictus 55-70 ml; e SVi inferiore a 30 ml/m2 o volume di ictus inferiore a 55 ml.

È stata analizzata la mortalità con gestione medica e chirurgica.

La sopravvivenza a 5 anni è risultata bassa per SVi inferiore a 30 ml/m2 e SVi inferiore a 55 ml rispetto agli altri gruppi ( tutti P minore di 0.001 ).

Dopo aggiustamento per i predittori di esito, inclusa la sostituzione della valvola aortica, il rischio di mortalità è risultato considerevole con SVi inferiore a 30 ml/m2 rispetto a superiore a 35 ml/m2 ( hazard ratio aggiustato, aHR=1.60 ) e SVi inferiore a 55 ml rispetto a superiore a 70 ml ( aHR=1.84 ).

È stato osservato un rischio simile di mortalità per SVi 30-35 ml/m2 rispetto a superiore a 35 ml/m2 ( aHR=1.05 ) e per SVi 55-70 ml rispetto a 70 ml ( aHR=1.22 ).

L'impatto prognostico di SVi inferiore a 30 ml/ m2 e SVi inferiore a 55 ml è stato costante nei sottogruppi, compresi pazienti asintomatici e i pazienti con stenosi aortica grave a basso gradiente.

In conclusione, un flusso basso definito come SVi inferiore a 30 ml/m2 o SVi inferiore a 55 ml è un importante predittore di esito nella stenosi aortica grave con FEVS preservata sotto controllo medico e chirurgico.
Sono necessari ulteriori studi per testare in modo prospettico questi valori per la stratificazione del rischio e il processo decisionale. ( Xagena2018 )

Rusinaru D et al, Eur Heart J 2018; 39: 1992-1999

Cardio2018 Neuro2018



Indietro