52 convegno cardiologia milano
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in aritmologia
Associazione Silvia Procopio

L’Allopurinolo migliora la disfunzione endoteliale nei pazienti con insufficienza cardiaca


I pazienti con insufficienza cardiaca cronica presentano un aumentato stress ossidativo , che è ritenuto essere alla base della disfunzione endoteliale.
I Ricercatori del Ninewells Hospital a Dundee ( Gran Bretagna ) hanno somministrato un farmaco , comunemente impiegato nel trattamento della gotta, l’Allopurinolo , per bloccare la xantina ossidasi, un enzima che porta alla formazione degli anioni superossidi.
Gli 11 pazienti con insufficienza cardiaca cronica ed in classe NYHA II-III , che hanno preso parte allo studio , hanno assunto Allopurinolo ( 300 mg , una volta die ) , oppure placebo.
La valutazione a 30 giorni ha mostrato che i pazienti trattati con l’Allopurinolo presentavano un significativo miglioramento della vasodilatazione endotelio-dipendente.
Inoltre l’Allopurinolo ha dimostrato di ridurre lo stress ossidativo.
I risultati dello studio fanno ipotizzare che l’Allopurinolo potrebbe ridurre gli eventi cardiovascolari. Tuttavia le conclusioni di questo studio devono essere convalidate da altre ricerche. ( Xagena2002 )

Colin AJ et al , Circulation 2002 ; 106 : 221-226


Indietro