Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Mavacamten per il trattamento della cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva sintomatica: studio EXPLORER-HCM


Il miglioramento dei sintomi è un obiettivo primario del trattamento nei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva.
Le opzioni farmacologiche attualmente disponibili per la cardiomiopatia ipertrofica non sono specifiche della malattia e sono spesso inadeguate o scarsamente tollerate.

È stato valutato l'effetto di Mavacamten, un inibitore first-in-class della miosina cardiaca, sullo stato di salute dei pazienti, ovvero sui sintomi, sulla funzione fisica e sociale e sulla qualità della vita.

È stata effettuata un'analisi dello stato di salute di EXPLORER-HCM, uno studio di fase 3, in doppio cieco, randomizzato, controllato con placebo.
Lo studio è stato condotto presso 68 centri clinici cardiovascolari in 13 Paesi.
I pazienti adulti di età maggiore o uguale a 18 anni con cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva sintomatica ( gradiente maggiore o uguale a 50 mm Hg e classe NYHA II-III ) sono stati assegnati in modo casuale a Mavacamten oppure placebo per 30 settimane, seguite da un periodo di wash-out.

L'esito primario di questa analisi secondaria era il Kansas City Cardiomyopathy Questionnaire ( KCCQ ), una misura specifica per la malattia dello stato di salute dei pazienti. È stato somministrato al basale e alle settimane 6, 12, 18, 30 ( fine del trattamento ) e 38 ( fine dello studio ).

Le variazioni dal basale alla settimana 30 nel punteggio di sintesi complessiva ( OS ) KCCQ e tutte le sottoscale sono state analizzate utilizzando misure ripetute con modello misto.

Tra il 2018 e il 2019, sono stati valutati per l'idoneità 429 adulti, di cui 251 ( 59% ) sono stati arruolati e assegnati in modo casuale.
Dei 123 pazienti assegnati in modo casuale a Mavacamten, 92 ( 75% ) hanno completato il questionario KCCQ al basale e alla settimana 30 e dei 128 pazienti assegnati in modo casuale al placebo 88 ( 69% ) hanno completato il questionario KCCQ al basale e alla settimana 30.

A 30 settimane, la variazione nel punteggio KCCQ-OS è stata maggiore con Mavacamten rispetto al placebo ( punteggio medio 14.9 vs 5.4; differenza +9.1; P minore di 0.0001 ), con benefici simili in tutte le sottoscale KCCQ.

La percentuale di pazienti con una variazione molto ampia ( KCCQ-OS maggiore o uguale a 20 punti ) è stata del 36% ( 33 su 92 ) nel gruppo Mavacamten rispetto al 15% ( 13 su 88 ) nel gruppo placebo, con una differenza assoluta stimata del 21% e numero necessario da trattare ( NNT ) di 5.
Questi guadagni sono tornati al valore basale dopo l'interruzione del trattamento.

Mavacamten ha notevolmente migliorato lo stato di salute dei pazienti con cardiomiopatia ipertrofica ostruttiva sintomatica rispetto al placebo, con un numero ridotto di pazienti da trattare per un netto miglioramento.
Dato che gli obiettivi primari del trattamento sono migliorare i sintomi, la funzione fisica e sociale e la qualità della vita, Mavacamten rappresenta una nuova potenziale strategia per raggiungere questi obiettivi. ( Xagena2021 )

Spertus JA et al, Lancet 2021; 397: 2467-2475

Cardio2021 Farma2021


Indietro