Aggiornamenti in aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
52 convegno cardiologia milano
Associazione Silvia Procopio

Predittori di successo dell’intervento coronarico percutaneo per occlusione cronica totale 


Sono stati identificati i predittori positivi e negativi di successo tecnico e clinico dell'intervento coronarico percutaneo ( PCI ) delle occlusioni croniche totali .

È stata condotta una revisione sistematica e una meta-analisi di studi pubblicati tra il 2000 e il 2016 analizzando i tassi di successo della procedura PCI per occlusioni croniche totali in base alle caratteristiche demografiche e angiografiche.
I predittori di successo tecnico e clinico sono stati valutati su 28 variabili demografiche e 31 angiografiche.
Il successo clinico è stato definito come successo tecnico senza eventi avversi cardiaci maggiori ( MACE ).

Sono stati inclusi nella analisi 61 studi, per un totale di 69.886 pazienti.

Le principali caratteristiche demografiche associate a una riduzione del 20% o maggiore delle probabilità di successo tecnico e clinico sono state: storia di infarto miocardico, procedura PCI, innesto di bypass delle arterie coronarie, ictus / attacco ischemico transitorio [ TIA ] e malattia vascolare periferica.

I fattori angiografici sono stati in genere più forti predittori di ridotto successo tecnico e clinico.
Quelli associati a una riduzione delle probabilità superiore al 20% includevano occlusioni croniche discendenti anteriori non-sinistre, malattia multivasale, presenza di bridging collaterali, calcificazione da moderata a grave, flessione dei vasi superiore a 45 gradi, vaso tortuoso, presenza di blunt stump e lesioni ostiali.

Di questi, i nuovi predittori hanno incluso precedente procedura PCI, ictus precedente, malattia vascolare periferica, presenza di malattia multivasale e bridging collaterali.

In conclusione, lo studio ha identificato forti predittori negativi per il successo clinico dell'intervento coronarico percutaneo per ostruzioni croniche totali, che saranno utili nella selezione dei pazienti per questa procedura. ( Xagena2018 )

Wang N et al, Heart 2018; 104: 517-524

Cardio2018



Indietro