Associazione Silvia Procopio
Gastroenterologia.net
Ematologia.net
Reumatologia

Rischio cardiovascolare in seguito a terapia della fertilità


Gli effetti cardiovascolari a lungo termine della terapia per la fertilità sono sconosciuti. Uno studio ha riassunto i dati che collegano la terapia della fertilità con i successivi esiti cardiovascolari.

Sono stati raggruppati gli hazard ratio ( HR ) dei seguenti esiti: evento cardiaco acuto; ictus; tromboembolismo venoso; ipertensione; diabete mellito, confrontando donne che hanno ricevuto la terapia per la fertilità con donne che non l'hanno ricevuta.

I criteri di inclusione sono stati soddisfatti da 6 studi osservazionali per un totale di 41.910 donne che hanno ricevuto la terapia per la fertilità, e 1.400.202 donne che non l'hanno ricevuta.

Non si è verificato un aumento del rischio di eventi cardiaci ( HR aggregato: 0.91 I2=36.6% ) o di diabete mellito ( HR aggregato: 0.93, I2=0% ).

I risultati non sono stati raggruppati per l'ipertensione ( I2=95.0% ) e il tromboembolismo venoso ( I2=82.3% ).

E' stata riscontrata una tendenza verso un più alto rischio di ictus ( HR aggregato: 1.25, I2=0% ).

In conclusione, il numero limitato di studi e la significativa eterogeneità hanno impedito una rassicurazione definitiva sulla sicurezza cardiovascolare a lungo termine di questi trattamenti, in particolare riguardo all'ictus.
Sono necessari studi futuri per colmare le lacune nelle conoscenze in questa area. ( Xagena2017 )

Dayan N et al, J Am Coll Cardiol 2017, 70: 1203-1213

Gyne2017 Cardio2017 Farma2017


Indietro