Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Risonanza magnetica cardiovascolare nei pazienti con cardiotossicità associata a Ibrutinib


Gli eventi avversi immuno-correlati ( irAE ) derivanti dalla terapia antitumorale con inibitore del checkpoint immunitario ( ICI ) possono potenzialmente prevedere esiti migliori.

È stata valutata l'associazione tra eventi avversi immuno-correlati e l'efficacia di Atezolizumab ( Tecentriq ) in pazienti con tumore polmonare non a piccole cellule ( NSCLC ) avanzato utilizzando i dati raccolti da 3 studi sul checkpoint immunitario di fase 3.

IMpower130, IMpower132 e IMpower150 erano studi clinici di fase 3, multicentrici, in aperto, randomizzati per valutare l'efficacia e la sicurezza delle combinazioni di chemioimmunoterapia che coinvolgono Atezolizumab.

I partecipanti erano adulti naive alla chemioterapia con tumore al polmone non-a-piccole cellule non-squamoso in stadio IV.
Queste analisi post hoc sono state condotte nel mese di febbraio 2022.

I pazienti eleggibili sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Atezolizumab con Carboplatino più nab-Paclitaxel o solo chemioterapia ( IMpower130 ); a ricevere Atezolizumab con Carboplatino o Cisplatino più Pemetrexed, o solo chemioterapia ( IMpower132 ); e a ricevere Atezolizumab più Bevacizumab più Carboplatino e Paclitaxel, Atezolizumab più Carboplatino e Paclitaxel o Bevacizumab più Carboplatino e Paclitaxel ( IMpower150 ).

I dati raccolti da IMpower130, IMpower132 e IMpower150 sono stati analizzati per trattamento ( contenente Atezolizumab versus controllo ), stato degli eventi avversi immuno-correlati ( con vs senza ) e grado di eventi avversi immuno-correlati più elevato ( 1-2 vs 3-5 ).

Sono stati utilizzati un modello di Cox dipendente dal tempo e analisi di riferimento dell'occorrenza di eventi avversi immuno-correlati a 1, 3, 6 e 12 mesi dal basale per stimare l'hazard ratio ( HR ) di sopravvivenza globale ( OS ).

Dei 2.503 pazienti randomizzati, 1.577 erano nel braccio contenente Atezolizumab e 926 erano nel braccio di controllo.
L'età media dei pazienti era di 63.1 anni e 63.0 anni, e 950 ( 60.2% ) e 569 ( 61.4% ) erano maschi, rispettivamente, nel braccio Atezolizumab e nel braccio di controllo.

Le caratteristiche basali erano generalmente bilanciate tra i pazienti con eventi avversi immuno-correlati ( Atezolizumab, n=753; controllo, n=289 ) e senza ( Atezolizumab, n=824; controllo, n=637 ).

Nel braccio Atezolizumab, gli hazard ratio di sopravvivenza globale nei pazienti con eventi avversi immuno-correlati di grado da 1 a 2 e di grado da 3 a 5 ( ciascuno vs quelli senza eventi avversi immuno-correlati ) nei sottogruppi a 1, 3, 6 e 12 mesi sono stati 0.78 e 1.25, 0.74 e 1.23, 0.77 e 1.1 e 0.72 e 0.87, rispettivamente.

In questa analisi aggregata di 3 studi clinici randomizzati, è stata osservata una sopravvivenza globale più lunga nei pazienti con eventi avversi immuno-correlati da lievi a moderati rispetto a quelli senza in entrambi i bracci e attraverso tutti i punti di riferimento. Questi risultati supportano ulteriormente l'uso di regimi contenenti Atezolizumab di prima linea per il carcinoma polmonare non-a-piccole cellule non-squamoso avanzato. ( Xagena2023 )

Socinski MA et al, JAMA Oncol 2023; 9: 527-535

Pneumo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro