Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Rosuvastatina per la prevenzione primaria in pazienti con SCORE uguale o superiore a 5% o rischio di Framingham superiore a 20%


Sulla base dello studio JUPITER, le Autorità sanitarie europee hanno approvato l’uso di Rosuvastatina ( Crestor ) per ridurre i primi eventi cardiovascolari maggiori tra i pazienti in prevenzione primaria a rischio globale alto definito da un punteggio di rischio Framingham superiore a 20% o un punteggio SCORE ( European systematic coronary risk evaluation risk ) uguale o superiore a 5%.

Tuttavia, dal momento che queste sono analisi post hoc, i dati che descrivono tali sottogruppi non erano disponibili in precedenza.

In totale, 17802 uomini apparentemente sani di età uguale o superiore a 50 anni e donne apparentemente sane di età uguale o superiore a 60 anni con livello di colesterolo LDL inferiore a 3.4 mmol/L, che risultavano avere un rischio vascolare aumentato a causa di elevati livelli di proteina C-reattiva ( CRP ), misurata con saggi ad alta sensibilità sono stati assegnati a Rosuvastatina 20 mg al giorno oppure placebo.

Sono stati identificati i pazienti ad alto rischio cardiovascolare globale al basale in base a punteggio di rischio Framingham a 10 anni maggiore di 20% o rischio SCORE maggiore o uguale al 5%.

Durante un follow-up mediano di 1.8 anni ( massimo 5 anni ), tra i pazienti con rischio Framingham superiore a 20% il tasso di infarto di miocardio / ictus / decesso cardiovascolare è stato rispettivamente pari a 9.4 e 18.2 per 1000 anno-persone nei pazienti assegnati a Rosuvastatina e placebo, ( hazard ratio, HR=0.50, P=0.028 ).

Tra i pazienti con rischio SCORE maggiore o uguale a 5%, i tassi corrispondenti sono stati 6.9 e 12.0, utilizzando un modello per estrapolazione del rischio per età uguale o superiore a 65 anni ( HR=0.57, P=0.0003 ) e i tassi sono stati 5.9 e 12.7 quando il rischio per l’età è stato fissato a 65 anni ( HR=0.47, P inferiore a 0.0001 ).

In conclusione, nei pazienti in prevenzione primaria con elevati livelli di proteina C-reativa ad alta sensibilità ( hs-CRP ) con un elevato rischio cardiovascolare globale ( punteggio di rischio Framingham a 10 anni superiore a 20% o rischio SCORE uguale o superiore a 5% ), ma livelli di colesterolo LDL che non richiedono trattamento farmacologico, la Rosuvastatina 20 mg ha ridotto in modo significativo gli eventi cardiovascolari maggiori. ( Xagena2011 )

Koenig W e Ridker PM, Eur Heart J 2011; 32: 75-83


Cardio2011 Farma2011


Indietro