Aggiornamenti in Aritmologia
Cardiobase
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa

Shock cardiogeno e malattia coronarica multivasale: intervento coronarico percutaneo o chirurgia di bypass coronarico ?


Nonostante i progressi nel trattamento dello shock cardiogeno, l'incidenza di questa grave complicanza dell'infarto acuto del miocardio con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ) è rimasta relativamente costante, e i tassi di mortalità, in qualche misura migliorati negli ultimi decenni, sono rimasti elevati.

Benché l’intervento coronarico percutaneo ( PCI ) e la chirurgia di bypass coronarico siano utilizzati in pazienti con shock cardiogeno e coronaropatia multivasale, la strategia ottimale di rivascolarizzazione in questo contesto non è ancora ben definita.

È stata condotta una revisione della letteratura; non sono stati identificati studi randomizzati, e solo 4 studi osservazionali hanno valutato l’intervento coronarico percutaneo versus intervento di bypass coronarico.

Questa revisione, compiuta sui pochi dati disponibili, ha mostrato tassi di mortalità simili con i due tipi di intervento in pazienti con infarto STEMI e malattia coronarica multivasale complicata da shock cardiogeno.

Dallo studio è emerso che l'intervento di bypass coronarico dovrebbe essere considerato una strategia di riperfusione complementare all'intervento coronarico percutaneo, e potrebbe essere preferita, soprattutto quando non è possibile una rivascolarizzazione completa con intervento PCI, nei pazienti con coronaropatia multivasale e shock cardiogeno. ( Xagena2010 )

Mehta RH et al, Am Heart J 2010; 159: 141-147


Cardio2010



Indietro