Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Somministrazione intracoronarica versus intravenosa di Abciximab in pazienti con infarto STEMI sottoposti a intervento coronarico percutaneo con aspirazione del trombo


La somministrazione dell'inibitore della glicoproteina IIb/IIIa Abciximab ( ReoPro ) è un'efficace strategia di trattamento aggiuntiva durante l'intervento coronarico percutaneo ( PCI ) per infarto del miocardio con sopraslivellamento del tratto ST ( STEMI ).

Benché studi di piccole dimensioni abbiano suggerito effetti benefici della somministrazione intracoronarica su quella intravenosa di Abciximab, questo risultato non è stato verificato in studi clinici randomizzati di media dimensione.

Uno studio ha coinvolto 534 pazienti con infarto miocardico con sopraslivellamento del tratto ST sottoposti a intervento coronarico percutaneo con aspirazione del trombo entro 12 ore dall'insorgenza dei sintomi.

I pazienti sono stati randomizzati a bolo intracoronarico o intravenoso di Abciximab ( 0.25 mg/kg ) ed erano stati pre-trattati con Acido Acetilsalicilico ( Aspirina ), Eparina e Clopidogrel ( Plavix ).

L'endpoint primario era rappresentato dall'incidenza di una recuperata riperfusione miocardica, definita come completa risoluzione del tratto ST, mentre quelli secondari includevano riperfusione miocardica valutata in base a grado di blush miocardico, dimensione enzimatica dell'infarto ed eventi avversi cardiaci maggiori a 30 giorni.

L'incidenza di completa risoluzione del tratto ST è risultata simile nei gruppi somministrazione intracoronarica e intravenosa ( 64% versus 62%; P=0.562 ), tuttavia, l'incidenza di blush miocardico di grado 2/3 è risultata maggiore nel gruppo somministrazione intracoronarica che in quello somministrazione intravenosa ( 76% versus 67%; P=0.022 ).

Inoltre la dimensione enzimatica dell'infarto è risultata inferiore nel gruppo intracoronarico che in quello intravenoso ( P=0.008 ) e l'incidenza di eventi avversi cardiaci maggiori è risultata simile nei 2 gruppi ( 5.5% versus 6.1%; P=0.786 ).

In conclusione, nei pazienti con infarto del miocardio con sopraslivellamento del tratto ST sottoposti a intervento coronarico percutaneo primario con aspirazione del trombo, la somministrazione intracoronarica di Abciximab rispetto a quella intravenosa non migliora la riperfusione miocardica sulla base della valutazione della risoluzione del tratto ST, tuttavia la somministrazione intracoronarica è associata a un miglioramento della riperfusione miocardica in base al grado di blush miocardico e a una ridotta dimensione enzimatica dell'infarto. ( Xagena2010 )

Gu YL et al, Circulation 2010; 122: 2709-2717


Farma2010 Cardio2010


Indietro