Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Aggiornamenti in Aritmologia
Xagena Mappa

Sostituzione della valvola mitrale transcatetere dopo riparazione o sostituzione chirurgica


Le procedure per la valvola mitrale valve-in-valve ( ViV; valvola su valvola ) e valve-in-ring ( ViR; valvola in anello ) sono alternative al reintervento chirurgico nei pazienti con insufficienza della valvola mitrale ricorrente dopo una precedente riparazione o sostituzione chirurgica della valvola.
È stata eseguita un'analisi su larga scala esaminando i risultati a medio termine dopo ViV e ViR mitraliche.

I pazienti sottoposti a ViV e ViR mitraliche sono stati arruolati nel Valve-in-Valve International Data Registry.
I casi hanno riguardato il periodo compreso tra 2006 e i2020.
Gli endpoint clinici sono stati riportati secondo le definizioni del Mitral Valve Academic Research Consortium ( MVARC ).

Una significativa stenosi mitralica ( MS ) residua è stata definita come gradiente medio maggiore o uguale a 10 mm Hg e un significativo rigurgito mitralico ( MR ) residuo come maggiore o uguale a moderato.

Sono stati inclusi in totale 1.079 pazienti ( 857 ViV, 222 ViR; età media 73.5 anni; 40.8% maschi ) da 90 centri.
Punteggio STS-PROM mediano 8.6%; follow-up clinico mediano 492 giorni; follow-up ecocardiografico mediano per i pazienti sopravvissuti a 1 anno 772.5 giorni.

Il tasso di sopravvivenza secondo Kaplan-Meier a 4 anni è stato del 62.5% per ViV rispetto al 49.5% per ViR ( P minore di 0.001 ).

Il gradiente medio attraverso la post-procedura della valvola mitrale è stato di 5.7 mm Hg ( superiore o uguale a 5 mm Hg; 61.4% dei pazienti ).

Una significativa stenosi mitralica residua si è verificata nell'8.2% dei pazienti ViV e nel 12.0% dei pazienti ViR ( P=0.09 ).
Un significativo rigurgito mitralico residuo è risultato più comune nei pazienti con ViR ( 16.6% vs 3.1%; P minore di 0.001 ) ed è stato associato a una sopravvivenza a 4 anni inferiore ( 35.1% vs 61.6%; P=0.02 ).

Le percentuali di successo del dispositivo, definito da MVARC, sono state basse per entrambe le procedure ( 39.4% totale; 32.0% ViR vs 41.3% ViV; P=0.01 ), principalmente in relazione al gradiente medio postprocedurale maggiore o uguale a 5 mm Hg.

I correlati per stenosi mitralica residua sono stati diametro interno reale più piccolo, età più giovane e indice di massa corporea [ BMI ] più grande.

L'unico correlato per rigurgito mitralico residuo è stata la ViR.
La stenosi mitralica residua significativa ( sottohazard ratio, 4.67; P=0.002 ) e rigurgito mitralico residuo significativo ( subhazard ratio, 7.88; P minore di 0.001 ) sono stati entrambi indipendentemente associati a sostituzione ripetuta della valvola mitrale.

Stenosi mitralica e/o rigurgito mitralico residui significativi non sono stati infrequenti dopo le procedure mitraliche ViV e ViR, e sono stati entrambi associate alla necessità di sostituzione della valvola ripetuta.
Le strategie per migliorare l'emodinamica postprocedurale nella ViV e ViR mitrale dovrebbero essere ulteriormente esaminate. ( Xagena2021 )

Simonato M et al, Circulation 2021;143: 104-116

Gastro2021 Onco2021 Farma2021


Indietro