Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Cardiobase
Xagena Mappa

Stratificazione del rischio nella sindrome di Brugada


Il registro prospettico PRELUDE ( PRogrammed ELectrical stimUlation preDictive valuE ) è stato progettato per valutare l'accuratezza predittiva della inducibilità della tachicardia ventricolare sostenuta / fibrillazione ventricolare ( VT/VF ) e per identificare i predittori supplementari di eventi aritmici nei pazienti con sindrome di Brugada senza storia di VT/VF .

La sindrome di Brugada è una malattia genetica associata a un aumentato rischio di morte cardiaca improvvisa.
Anche se il suo valore è stato messo in discussione, l’inducibilità di VT/VF è ampiamente usata per selezionare i candidati a ricevere un defibrillatore impiantabile per la profilassi, e la sua precisione non è mai stato affrontata in studi prospettici con criteri di arruolamento omogenei.

Sono stati arruolati pazienti con un elettrocardiogramma ( ECG ) di tipo I spontaneo o indotto da farmaci e senza storia di arresto cardiaco.

Il Registro ha incluso 308 soggetti consecutivi ( 247 uomini, 80%; età media 44 anni, range 18-72 anni ).

La stimolazione elettrica programmata è stata eseguita al momento dell'arruolamento; i pazienti sono stati controllati ogni 6 mesi.

Durante un follow-up mediano di 34 mesi, si sono verificati 14 eventi aritmici ( 4.5% ) ( 13 shock appropriati del defibrillatore impiantabile e 1 arresto cardiaco ).

La stimolazione elettrica programmata eseguita con un protocollo uniforme e pre-specificato ha indotto tachiaritmie ventricolari nel 40% dei pazienti: l’inducibilità dell’aritmia non è stata un fattore predittivo di eventi al follow-up ( 9 eventi su 14 si sono verificati in pazienti non-inducibili ).

Una storia di sincope ed ECG di tipo I spontaneo ( hazard ratio, HR=4.20 ), un periodo refrattario ventricolare minore di 200 ms ( HR=3.91 ) e la frammentazione del QRS ( HR=4.94 ) sono risultati predittori significativi di aritmie.

In conclusione, i dati hanno mostrato che l’inducibilità della tachicardia ventricolare e della fibrillazione ventricolare non è in grado di identificare i pazienti ad alto rischio, mentre la presenza di un ECG di tipo I spontaneo, una storia di sincope, un periodo refrattario effettivo ventricolare minore di 200 ms e la frammentazione del QRS sembrano utili per identificare i candidati per la profilassi con defibrillatore impiantabile cardioverter ( ICD ). ( Xagena2012 )

Priori SG et al, J Am Coll Cardiol 2012; 59: 37-45


Cardio2012



Indietro