Aggiornamenti in Aritmologia
Prevenzione e  Terapia dello Scompenso Cardiaco
Xagena Mappa
Xagena Newsletter

Un nuovo approccio terapeutico nell’ipercolesterolemia : Ezetimibe + statina


L’ipercolesterolemia è uno dei fattori di rischio per la malattia cardiovascolare.
Circa 1/3 dei pazienti trattati con statine o con fibrati non riesce a raggiungere i livelli di colesterolo LDL raccomandati.
L’impiego di alti dosaggi di statine possono risultare scarsamente tollerati e potrebbero anche causare gravi effetti indesiderati , come ad esempio mialgie o rabdomiolisi.

Ezetimibe ( Zetia ) è il primo inibitore selettivo dell’assorbimento del colesterolo a livello intestinale , che ha dimostrato benefici clinici quando impiegato da solo o in associazione ad altri farmaci ipocolesterolemizzanti.

Su Circulation è stato pubblicato un articolo di Gagne C et al ( Circulation 2002; 105: 2469-2475 ) in cui l’Ezetimibe è stato impiegato in associazione alle statine ( Atorvastatina o Simvastatina ) in una rara malattia genetica , l’ipercolesterolemia familiare omozigote.
L’Ezetimibe associato alla statina ha prodotto una riduzione dei livelli di colesterolo LDL del 20,7-27,5% contro solo il 7% della sola statina , assunta al dosaggio di 80 mg/die.

Nel corso del XIVth Meeting of the World Congress of Cardiology ( WCC ) , sono stati presentati due studi clinici di fase III , in cui l’Ezetimibe è stato associato alla Pravastatina o alla Lovastatina.
Nello studio che ha valutato l’efficacia dell’associazione Ezetimibe ( 10 mg ) + Pravastatina ( dosaggio variabile ) sono stati arruolati 538 pazienti , di età compresa tra i 64 ed i 68 anni , con ipercolesterolemia primaria e livelli basali di colesterolo LDL nel range 145 - 250 mg/die.
L’associazione Ezetimibe + Pravastatina ha prodotto una riduzione del colesterolo LDL del 37,3% versus il 24,3% della sola Pravastatina o del solo Ezetimibe.
I trigliceridi si sono ridotti del 17,6% versus il 7,6% , mentre il colesterolo HDL è aumentato dell’8,1% vs 6,7%.
L’associazione tra Ezetimibe e la Pravastatina a basso dosaggio ( 10 mg ) ha ridotto i livelli del colesterolo LDL del 34% contro una riduzio ne del 29% della sola Pravastatina al dosaggio di 40 mg/die.

Negli studi presentati al WCC l’associazione tra Ezetimibe e la statina è stata ben tollerata. Non sono stati osservati casi di miosite o rabdomiolisi. Gli effetti indesiderati a livello muscoloscheletrico sono risultati simili tra il gruppo Ezetimibe + statina , placebo + statina , e gruppo placebo.
Sono stati invece osservati aumenti asintomatici dei livelli degli enzimi epatici ( aumento delle transaminasi maggiore di 3 volte rispetto al normale ).
Non sono stati segnalati casi di epatite, itterizia o segni clinici di disfunzione epatica.

L’effetto dell’Ezetimibe sulla morbidità e mortalità cardiovascolare non è ancora stato studiato.


Carlo Franzini


Xagena2002


Indietro